l 'elogio del vino

di MORANDO DA PADOVA.

C'è un inno al vino del Medioevo che s'alza veramente alle vaste risonanze del canto corale

Ave color vini clari,

ave sapor sine pari,

tua nos inebriari  

digneris potentia...        

Ergo vinum conlaudemus,

potatores exultemus.

non potantes confundemus

in eterna tristitia. Amen.

Meno famoso, ma pur notevole, è quest'altro di Maestro Morando, conservatoci neIla sua cronaca da fra'Salimbene.

1 Vinum dulce gloriosum

Il vin dolce e glorioso

pingue facit et carnosum

rende 1'uom pingue e carnoso

atque pectus aperit.

e il torace amplifica;

2 Et maturum, gustu plenum,

se e maturo e pien di gusto,

valde nobis est amoenum,

ed assai ci piace, giusto

quia sensus acuit.

perché i sensi stimola.

3 Vinum forte, vinum purum

II vin forte, il vino puro

reddit hominem securum

rende I'uom baldo e sicuro,

et depellit frigora.

scaccia il freddo e i brividi,

4 Sed acerbum linguas mordet,

Ma se e acerbo morde in bocca,

intestina cuncta sordet

sporca tutto quel che tocca

corrumpendo corpora.

e corrompe i visceri.

5 Vinum vero quod est glaucum

Quel che e azzurro di colore

potatorem facit raucum

rende roco il bevitore

et frequenter mingere.

ed è assai diuretico.

6 Vinum vero turbulentum

Il vin torbo assai sovente

solet dare corpus lentum

fa le membra pigre e lente

et colorem tingere.

e i colori esagera.

7 Vinum rubeum subtile

ed il vin rosso e sottile

non est reputandum vile,

non convien tenerlo a vile

nam colorem generat.

perché il viso illumina.

8 Auro simile citrinum

Quel che è biondo come 1'oro

valde fovet intestinum

fa benissimo al piloro

et langores suffocat.

e i languori soffoca.

9 Alba lympha maledicta

Quanto all'acqua maledetta

sit a nobis interdicta,

sia bandita ed interdetta

quia splenen provocat.

perché guasta il fegato.